Pagine

venerdì 12 novembre 2010

Regalo per me

Questa sera mi sono fatto un regalo straordinario. Mi sono regalato un mazzo di fiori, ho annusato i primi e il profumo mi ha già fatto girare la testa....

Ci leggi, Signore, negli occhi
almeno,
nell'acerbità dei muscoli del volto
tesi,
il divenire ineffabile dell'anima,
il nostro struggimento per un bene
che non può giungere oltre
il poverissimo limite del pianto?

Piccoli canti, 1947-1948. In: Alda Merini, La presenza di Orfeo, 1953.
Dalla raccolta di opere di Alda Merini, Il suono dell'ombra. Poesie e prose 1953-2009. Arnoldo Mondadori, 2010.

Le poesie della Merini vanno lette poco per volta, troppe potrebbero travolgere i sensi.

2 commenti:

  1. Il profumo intenso dei fiori e la poesia ancora più intensa di Alda Merini, una poesia che sgorga dalla sofferenza, dall'aver toccato con mano l'ultima Thule dei confini psichici, inebriano e travolgono i sensi. Anch'io leggo le sue poesie in modo parco e solo quando penso di poter reggerne tutto il peso.
    Un saluto

    RispondiElimina
  2. eh sì, ci vuole allenamento, tanto allenamento.

    RispondiElimina

Adoro lo scambio di opinioni e i commenti mi fanno molto piacere ma se stai scrivendo qualcosa che riterrò offensivo o di cattivo gusto allora il commento non avrà risposta e sarà cancellato.
Per evitare spam la moderazione è attiva solo per post di più di 30 giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...