lunedì 14 aprile 2014

Venghino siori venghino

Lui è veloce, scattante e poi è giovane, giovanissimo, praticamente non è ancora nato, è venuto dal futuro per avvisarci che terminator potrebbe conquistare il mondo. La sua tastiera batte come la batteria di Stewart Copeland dopo il morso della taranta, pensa in multitasking e nelle vene scorre sangue e carisma da capo. Vuole uno Stato giovane come lui e snello come un atleta pronto per i cento metri. Lascia di stucco tutti con il suo scatto, una riforma al mese, tanto pochi porteranno la conta. Via le auto blu, benissimo, ma non una parola sugli autisti che non si sa cosa faranno, via le province, benissimo, ma se le conti sono sempre centodieci e poi i dipendenti, cosa ne facciamo dei dipendenti? La battuta è rapida, fulminante, come le dita di un prestigiatore. Le promesse sono tante e con data annessa. Tra qualche giorno arriveranno nelle tasche degli italiani 8 bei bigliettoni da 10 euro a certificare che il nuovo vate è un uomo di parola, Letta ne sa qualcosa. #italianostaisereno e se si perde ancora un pezzo di stato sociale, italiano guarda attentamente tra una banconota e l'altra che riceverai, dovrebbe essercene rimasto un po' lì in mezzo. Lui è nuovo, nuovissimo, praticamente appena assemblato. Una porzione di comunione e tanta liberazione, gavetta quanto basta per farsi un nome, democrazia cristiana ben oliata, arrivismo in abbondanza, prepotenza da bulletto di periferia come se piovesse, craxismo di risulta, berlusconismo senza genitali in fibrillazione e infine una spruzzata di progressismo. Di istituzioni non sa nulla ma compensa l'ignoranza con la presunzione e l'arroganza. Guai a rivolgergli critiche, reagisce con stizza perché lui è giovane e chi critica è vecchio, lui è nuovo e chi critica è stantio, lui è veloce e chi critica è lento e poi lui vince e tana libera tutti. Ah la critica! Non piaceva all'avanzo di galera, non piace a Grillo e non piace neanche al nuovo che è avanzato.  Non piace a nessuno la critica, sarà perché la critica, quella vera, solitamente supera i 140 caratteri e ultimamente il pensiero ruba tempo all'azione. O era una cosa vecchia? Alle domande risponde con un lungo monologo. Ricorda qualcuno? Maestro della circonlocuzione e virtuoso dell'anacoluto. Tante donne al governo, bene. Tanti giovani al governo, benissimo. Ma se guardi dentro al pensiero politico resta aria fritta. Assetto istituzionale? troppo complicato, semplificare, semplificare. Equilibrio dei poteri? adesso comando io e sto in perfetto equilibrio. Stato sociale? ancora con questo vecchiume! Rileggo qualche vecchio post di quando c'era lui e mi rendo conto che quanto dovrei dire l'ho gia detto. Mi consolo leggendo qualche articolo che naturalmente consiglio, ma sono tutte opinioni di vecchi "professoroni" noti per essere conservatori di destra! Tutta gente che non ha mai perso l'abitudine di dire che il re è nudo e solitamente stanno antipatici a tutti gli ur-fascisti.

Luciano Gallino, “Progetto vecchio e pericoloso”. Gallino boccia il Job Act.
Marco Revelli, La retorica di Callicle contro i professori.
Stefano Rodotà, Le riforme pericolose.
Roberta De Monticelli, Riforme, l’insofferenza ai critici e le colpe degli intellettuali.
Gustavo Zagrebelsky, Riforme, Zagrebelsky: “Non ci mettiamo in gioco? Il premier ci ascolti, ho una proposta”.

mercoledì 9 aprile 2014

Spammer cercasi per autostima!

E' già tanto che non ci sia più la solita Irina, giovane donna russa cerca marito per sistema lei con amore no perdigiorno, né quelle screanzate mail che invitano a comprare fantomatiche pills to elongate your penis... che, devo ammettere, mi lasciavano parecchio infastidito! ma dico io, cosa ne sanno? e poi sono cose che si dicono? Scostumati!
Gli spam non mancano mai, non ti lasciano mai senza un consiglio, senza un po' di misurato stupore per quanto possano essere interessanti le cose che scrivi. Devo dire la verità, verrebbe la voglia di pubblicarli alcuni, se non altro per una questione di autostima.
L'ultimo post pare sia piaciuto in modo particolare ma la cosa che mi lascia davvero perplesso è come alcuni commenti, nonostante siano scritti da un algoritmo, siano pieni di acume e buon senso!

***

Asking questions are in fact fastidious thing if you are not understanding anything completely, except this paragraph provides pleasant understanding yet. Here is my website :: www su Ameni inganni

If you desire to take much from this post then you have to apply such strategies to your won weblog. Here is my page: Stanford su Ameni inganni

Hi, i think that i saw you visited my blog so i came to “return the favor”.I'm trying to find things to improve my web site!I suppose its ok to use a few of your ideas!! Also visit my website ... Teri su Ameni inganni

whoah this blog is fantastic i like studying your articles. Keep up the great work! You already know, lots of individuals are searching around for this information, you can aid them greatly. Also visit my blog post :: Stanford su Ameni inganni

Simply desire to say your article is as amazing. The clearness to your put up is simply cool and that i could suppose you're a professional in this subject. Fine with your permission allow me to take hold of your RSS feed to stay up to date with approaching post. Thank you 1,000,000 and please keep up the gratifying work. Also visit my site - Johnathon su Ameni inganni

Great work! That is the kind of info that are meant to be shared across the internet. Disgrace on the seek engines for no longer positioning this submit upper! Come on over and seek advice from my website . Thanks =) Also visit my homepage: www su Ameni inganni

My programmer is trying to convince me to move to .net from PHP. I have always disliked the idea because of the expenses. But he's tryiong none the less. I've been using Movable-type on a number of websites for about a year and am concerned about switching to another platform. I have heard fantastic things about blogengine.net. Is there a way I can import all my wordpress content into it? Any help would be greatly appreciated! My webpage ... su Ameni inganni

This is very attention-grabbing, You are a very skilled blogger. I've joined your feed and stay up for seeking extra of your fantastic post. Additionally, I have shared your site in my social networks my web-site: x su Ameni inganni

I have been surfing online more than 3 hours today, yet I never found any interesting article like yours. It is pretty worth enough for me. Personally, if all web owners and bloggers made good content as you did, the web will be much more useful than ever before. My web blog :: Abe su Ameni inganni

Hi there colleagues, how is all, and what you want to say concerning this post, in my view its really remarkable in support of me. Also visit my web blog Broderick su Ameni inganni

Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though you relied on the video to make your point. You clearly know what youre talking about, why throw away your intelligence on just posting videos to your site when you could be giving us something enlightening to read? Here is my site :: Jeremy su Ameni inganni

I don't even know the way I finished up here, but I thought this publish used to be good. I do not know who you're but certainly you're going to a famous blogger if you happen to aren't already. Cheers! Also visit my page :: south park the stick of truth download su Ameni inganni

Wonderful article! That is the type of info that are supposed to be shared around the net. Disgrace on Google for now not positioning this submit higher! Come on over and consult with my website . Thanks =) Feel free to visit my website - Theressa su Ameni inganni

We're a group of volunteers and starting a new scheme in our community. Your site provided us with valuable information to work on. You have done a formidable job and our whole community will be thankful to you. Feel free to visit my page - low-fat diet su Ameni inganni

I rеally love youг website.. Pleasant colors & theme. Diid ʏօu develop thіs website yourself? Pleаse reply bаck aas Ι'm hoping tо create my verү owո website аոd would love to know wҺere yyou got this from or exactly what thе theme іs called. Tɦanks! Here is my web blog - Dr Oz Garcinia Cambogia su Ameni inganni

Cheap Rolex Replica Online Ahaa, its pleasant discussion about this piece of writing at this place at this website, I have read all that, so at this time me also commenting here. su Ameni inganni

Howdy! I'm aat work browsing your blog from my neew apple iphone! Just wanted to say I love reading through your blog and look forward to all your posts!Keep up the great work! My web page - www su Ameni inganni

Thanks for a marvelous posting! I seriously enjoyed reading it,you will bee a great author.I will remember to bookmark yoour blog and may coome back later in life. I want to encourage yoou continue your great work, have a nice evening! my site :: www su Ameni inganni

Thanks for sharing your thoughts on credit repair video. Regards Feel free to surf to my web blog ... low credit score yahoo answers su La retorica dei 34enni

Hello to every body, it's my first go to see of this web site; this website carries awesome and actually excellent stuff in favor of visitors. Feel free to visit my site - Vapor Couture su La retorica dei 34enni


Everything is very open with a clear description of the issues. It was truly informative. Your website is very useful. Many thanks for sharing! Take a look at my webpage :: south park the stick Of truth download su Già è tanto un pensiero, ma un pensiero nel pensiero!

I am sure this paragraph has touched all the internet visitors, its really really nice paragraph on building up new website. Feel free to visit my webpage: wordpress themes premium su Vola vola volantino

Thanks a lot for sharing this with all of us you really recognize what you're talking approximately! Bookmarked. Kindly also talk over with my web site =). We may have a link change contract between us Feel free to visit my page: Hack Warframe su Vola vola volantino

Hey there! This post couldn't be written any better! Reading this post reminds me of my previous room mate! He always kept talking about this. I will forward this article to him. Fairly certain he will have a good read. Thanks for sharing! My homepage: como ganar dinero desde casa su lo spread dell'anima.

domenica 30 marzo 2014

Ameni inganni

Cosa fa un pedone davanti a un semaforo a chiamata per l'attraversamento pedonale? Se il pedone deve attraversare la strada premerà il pulsante e dopo un po' di tempo il semaforo diventerà rosso per le auto. Ora il pedone potrà attraversare la strada sulle strisce pedonali.


Il pedone ha qualche ragione di credere che il semaforo è diventato rosso per le auto perché è stato premuto l'apposito pulsante. La credenza nel nesso causale è fondata, visto che effettivamente il semaforo è diventato rosso per le auto solo dopo che il pedone ha premuto il pulsante.
Eppure questa credenza non è così robusta come il pedone è disposto a pensare. Per esempio ogni volta che io sono davanti a un semaforo rosso prevedo con indubitabile certezza che il semaforo diventerà verde entro pochissimo tempo. Non mi sono mai sbagliato. Che c'entra? Direte voi. In un caso c'è stata un'azione, la pressione del pulsante, nell'altro solo un pensiero e anche abbastanza bislacco. Vero, ma se il pulsante della chiamata pedonale non funziona i due episodi sono identici e resta il fatto che il semaforo è diventato verde per l'attraversamento solo dopo aver espresso in qualche modo l'intenzione che il semaforo diventasse verde, non perché si sia espressa quell'intenzione. E' sufficiente che due eventi si succedano nel tempo per dire che c'è un nesso causale tra i due eventi?
Domanda antica, l'aveva già posta David Hume e non gli toccava certo attendere un tempo interminabile per attraversare la Palmiro Togliatti a Roma per concludere che il semaforo sarebbe diventato verde per via del temporizzatore che lavora indipendentemente dal dispositivo di chiamata pedonale che non funziona (e magari è una scatola vuota)!
Eppure la credenza che la pressione del pulsante sia stata decisiva per attraversare la strada è così importante che spesso sfugge che basta una banale verifica per stabilire se la chiamata pedonale funziona oppure no, se la nostra azione è davvero determinante oppure del tutto inutile.
Basterebbe fermarsi per un po' di tempo al semaforo e misurare la durata del rosso per i pedoni senza premere il pulsante e poi ripetere l'operazione al ciclo successivo ma premendo il pulsante. Se il tempo misurato nel secondo caso è inferiore al tempo misurato nel primo allora possiamo concludere che il dispositivo di chiamata funziona, altrimenti dobbiamo concludere che premere il pulsante non ha comportato alcuna interferenza con il semaforo.
Un esperimento semplice, un piccolo esperimento di scienza urbana ma chi ha tempo per farlo? Siamo tutti presi dalla fretta e sarà sufficiente convincerci che se non avessimo premuto quel pulsante avremmo attraversato le strisce pedonali molto tempo dopo.
Si vive di questi ameni inganni.

venerdì 21 marzo 2014

La retorica dei 34enni

"Caro mio padre, adunque, -
soggiuns'io - com'è d'uopo, in su le spalle
a me ti reca, e mi t'adatta al collo
acconciamente: ch'io robusto e forte
sono a tal peso: e sia poscia che vuole:
ch'un sol periglio, una salute sola
fia d'ambedue." Virgilio, Eneide, Libro II, tra il 29 e il 19 a.C.

Enea, Anchise e Ascanio,
Gian Lorenzo Bernini, 1618-1619.

"Gli sprechi sulle pensioni ci sono stati, il grande spreco sulle pensioni c'è stato e purtroppo è quello che ci portiamo noi addosso, noi tre su questo tavolo almeno per ragioni anagrafiche, cioè il meccanismo precedente di retribuzione delle pensioni per cui oggi noi quando paghiamo il nostro caro INPS non paghiamo per la nostra futura pensione ma paghiamo per le attuali e questo [...] non ha soluzione, cioè ci dobbiamo mettere l'anima in pace." Serena Sileoni (Istituto Bruno Leoni), Ottoemezzo, 9° minuto,19 marzo 2014.

***

"Mamma sono stanco", disse il bambino rientrando dal lavoro. "Suvvia Marco, perché ti lamenti? Sono giorni che torni a casa con la stessa storia. Cosa sta succedendo? C'è qualcosa che non va al lavoro?", chiese la mamma preoccupata. "No, al lavoro va tutto bene, ma io...ecco, io non vorrei lavorare". La preoccupazione della mamma aumentò, "Marcolino, che c'è? Perché non vuoi lavorare? Tutti lavorano", Marco lasciò cadere la cartella piena di disegni per la nuova pubblicità di biancheria intima per bambini e sbuffando disse: "Lo so ma io vorrei giocare". La mamma si avvicinò al figlio con tenerezza, prese le sue mani e a voce bassa, quasi sospirando, disse "Dai Marco non ricominciamo questa storia, ne abbiamo già parlato. Ricorda quello che dice sempre papà, tu hai la fortuna di lavorare in un settore creativo che non richiede neanche tanto sforzo fisico, pensa a quanti bambini della tua età fanno lavori veramente faticosi." Marco era consapevole della sua fortuna. Fin da piccolissimo era stato impegnato nel campo della pubblicità che per quanto stressante non si può dire che richieda grande fatica e poi si guadagna bene. Appena nato si guadagnava da vivere con gli spot del latte in polvere, sua madre gli dava il biberon davanti alla telecamera e lui ciucciava la tettarella che era una bellezza. Quella campagna pubblicitaria ebbe un gran successo e la vendita del latte artificiale della Latsmon andò alle stelle. Per non parlare delle campagne promozionali per l'allattamento naturale, quante ne aveva fatte! Appena l'operatore dava l'azione si attaccava a qualsiasi seno gli venisse offerto. Sembrava che fossero il ciak e le luci delle telecamere a mettergli appetito. Poi era passato alla pubblicità dei pannolini e crescendo a quella dei giocattoli. Adesso che aveva già otto anni lavorava come grafico in una azienda stimata, aveva un buon stipendio e un contratto a tempo determinato di cinque mesi e mezzo. Roba da fare invidia. Gli capitava di tanto in tanto di pensare ai suoi coetanei o quelli più piccoli di lui che attiravano clienti nei supermercati o quelli che lavoravano nelle vetrine dei negozi come manichini, tutto il giorno immobili con addosso pochi vestiti, e poi c'era il lavoro che odiava di più, in quei penosi programmi televisivi dove i bambini cantano, ballano e fanno finta di essere spontanei quando si vede benissimo che sono spossati dalle prove. Pensando a tutti quei lavori Marco sapeva di essere privilegiato, ma nonostante questo mostrava ancora l'intemperanza tipica dell'età.
Le intemperanze di Marco non erano affatto rare, molti bambini dell'età di Marco o più piccoli mostravano gli stessi problemi e la riluttanza al lavoro chiedeva programmi assidui di educazione e informazione nelle scuole e in televisione. Sui giornali non si parlava d'altro ma era una rivoluzione che aveva bisogno di tempo per essere completamente accettata. Dopotutto non era passato tanto tempo che la società si era riorganizzata perché ognuno lavorasse per sé e la generazione di Marco era la prima a non dipendere più dai genitori. Nel lungo periodo di transizione si chiudeva un occhio ma poi i tempi sono diventati maturi per passare al completo distacco e ognuno doveva guadagnarsi da vivere con il proprio lavoro. Certo si è dovuto fare i conti con i vincoli biologici, non si può pretendere che un neonato si metta a cercare lavoro da solo però sono state stabilite delle royalties per i genitori come procacciatori degli impieghi dei propri figli fino a quando non sono del tutto autonomi.
La parola rivoluzione può far pensare ad un cambiamento improvviso ma sono dovuti passare molti anni prima di avviare la riorganizzazione sociale. Riforme su riforme del lavoro, delle pensioni, del sistema educativo. Uno sforzo collettivo immane, campagne di informazione e talk show dedicati alla riorganizzazione sociale, stando attenti a non annunciarla mai chiaramente, altrimenti ci sarebbe stato il rischio di mandare tutto all'aria. Si sa, quando tocca cambiare radicalmente le cose o si ha la fortuna che capiti un evento catastrofico che giustifica tutto oppure bisogna armarsi di pazienza e fare le cose con calma. Una goccia al giorno e ci si abitua a tutto.
Prima della riorganizzazione c'era una promiscuità tra le generazioni che era diventata ormai insostenibile. Fino a una certa età i figli dipendevano dai genitori in tutto e per tutto. I genitori li nutrivano, li mandavano a scuola, spendevano per loro una quantità immane di risorse. Poi i figli crescevano e quando trovavano lavoro andavano via da casa dei genitori. Con il frutto del loro lavoro i figli pagavano i contributi previdenziali che tornavano nelle tasche dei genitori che ormai non erano più in grado di lavorare, così come del resto avevano fatto i loro genitori con la generazione precedente. Un circolo vizioso inconcepibile e inefficiente!
Questo sistema promiscuo che qualcuno chiamava pomposamente patto intergenerazionale aveva mandato in rovina le casse pubbliche. Fu per questo che lentamente si arrivò alla conclusione che ognuno avrebbe accantonato i contributi previdenziali solo per la propria pensione senza commistioni tra generazioni. Il passo successivo divenne subito evidente, ognuno avrebbe dovuto lavorare per sé così avrebbe goduto del guadagno del proprio lavoro senza sfruttare altri soggetti e senza il rischio di creare uno scompenso nel bilancio. Fu indubbiamente la soluzione ottimale, anche se rimaneva ancora qualche problema di adattamento, come nel caso di Marco, e molto restava ancora da fare. Restava da riorganizzare tutte le altre spese sociali, come la sanità, l'educazione, la luce pubblica, la realizzazione delle strade, la loro manutenzione e tutto il resto. Diverse ipotesi erano al vaglio, come quella di eliminare tutte le spese pubbliche ma la nostra tradizione sociale precludeva strade così poco etiche, tuttavia era inaccettabile che una persona pagasse per la sanità se non si ammalava o pagasse per le strade pubbliche se girava poco in auto. Erano allo studio sistemi di tassazione differenziata in relazione all'effettivo utilizzo dei beni pubblici. Del resto era palese a tutti l'ingiustizia subita da una persona sana come un pesce che sborsava denaro per le cure di chi si ammalava in continuazione. Il problema andava risolto anche se c'erano le resistenze di quanti ancora si intrattenevano in espressioni desuete come patto intragenerazionale, i soliti anziani attaccati alla rendita di posizione, ma per fortuna c'erano i giovani che guardavano lontano.
La riorganizzazione sociale richiese molto tempo ma erano già stati fatti passi da gigante e il futuro è sempre stato dalla parte dei giovani.

venerdì 14 marzo 2014

Vola vola volantino

Ricordo tempo fa, ero molto ingenuo, trovai nella buca delle lettere un volantino che prometteva un lavoro, erano riportate poche note, ditta seria sul campo da molto tempo e il numero di telefono. Decisi di contattare quel numero e dopo uno scambio di battute sulla mia formazione mi fu detto che il gruppo si occupava, tra le altre cose, di impianti di depurazione. Il signore al telefono era gentile e convincente e mi disse di presentarmi ad un appuntamento dove sarebbero state illustrate le attività della società. Sede prestigiosa, la sala conferenze di un importante albergo di Roma accanto a villa Borghese. Mi ritrovai ad un raduno di promotori delle miracolose virtù della dieta Herbalife che tra entusiastici applausi e osannanti standing ovations venivano presentati, in perfetto stile americano, ex-obesi tramutati in aspiranti modelli d'alta moda nonché patiti venditori dei taumaturgici estratti vegetali. Nei casi in cui la dieta aveva avuto esiti particolarmente felici era prevista la sfilata, con giro finale dopo la passerella e sfondo fotografico di un irriconoscibile otaria che aveva vaghe somiglianze con la silfide piroettante. Andai via.
Ecco, diciamo che oggi molti italiani hanno trovato nella buca delle lettere il volantino di un nuovo piazzista.


NB - Il volantino entra a fatica nella buca delle lettere, nonostante sia di sole 32 pagine, perché per fare scena non si risparmia sulla risoluzione delle immagini e evidentemente il webmaster, al passo con i tempi, è incapace di realizzare un documento più leggero.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails