Pagine

mercoledì 27 novembre 2013

La decadenza

Languore

Sono l’Impero alla fine della decadenza,
che guarda passare i grandi Barbari bianchi
componendo acrostici indolenti dove danza
il languore del sole in uno stile d’oro.

Soletta l’anima soffre di noia densa al cuore.
Laggiù, si dice, infuriano lunghe battaglie cruente.
O non potervi, debole e così lento ai propositi,
o non volervi far fiorire un po’ quest’esistenza!

O non potervi, o non volervi un po’ morire!
Ah! Tutto è bevuto! Non ridi più, Batillo?
Tutto è bevuto, tutto è mangiato! Niente più da dire!

Solo, un poema un po’ fatuo che si getta alle fiamme,
solo, uno schiavo un po’ frivolo che vi dimentica,
solo, un tedio d’un non so che attaccato all’anima!

Paul Verlaine, in Poesie, trad. di L. Frezza, Rizzoli, 1974



2 commenti:

  1. La poesia che diede il nome al grande movimento culturale dell'intero novecento è fin troppo onore per un omuncolo siffatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ma vuoi mettere come suona bene quel "Sono l’Impero alla fine della decadenza"? E quel "Ah! Tutto è bevuto! Non ridi più, Batillo? / Tutto è bevuto, tutto è mangiato! Niente più da dire!", quando m'è tornata in mente questa mattina ho goduto come quando da piccolo mia mamma mi puliva le orecchie, non potevo non metterla, Verlaine capirà ;-)

      Elimina

Adoro lo scambio di opinioni e i commenti mi fanno molto piacere ma se stai scrivendo qualcosa che riterrò offensivo o di cattivo gusto allora il commento non avrà risposta e sarà cancellato.
Per evitare spam la moderazione è attiva solo per post di più di 30 giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...