Pagine

mercoledì 8 giugno 2011

Le leggi son

"Le leggi son, ma chi pon mano ad esse?"
Se lo chiedeva Dante Alighieri nel Purgatorio.
Oggi c'è una buona notizia, in un paese dove la politica è in mano a personaggi pavidi, nel migliore dei casi incapaci di guardare oltre il proprio miserabilissimo naso in tema di diritti civili, la Corte di Cassazione sancisce che "La convivente ha gli stessi diritti di una moglie" e che occorre "Risarcire anche la famiglia di fatto". (La Repubblica)
Sia il tribunale che la corte d'appello di Milano avevano riconosciuto lo stesso principio.

Questo non significa che laddove la politica (ovvero potere legislativo e potere esecutivo) non c'è subentra il potere giudiziario, come potrebbe concludere qualche imbecille, ma che lo spirito delle leggi presenti, e solo a quelle possono attenersi i giudici, già contempla principi che non possono essere ignorati.

E' un passo, un piccolo passo che ne chiede altri dalla politica ma chiudendo con un'altra celebre citazione viene da dire "eppur si muove".

6 commenti:

  1. Mi sembra un bel passo avanti, se pensiamo all'oscurantismo in cui viviamo da secoli, causa la chiesa cattolica.
    Speriamo che si prosegua su questa strada ....
    Ciao e buona giornata!
    Lara

    RispondiElimina
  2. qualcosa si muove: siamo noi!

    RispondiElimina
  3. Eppur si muove, qualcosa qualcuno si muove. Ed è una bella notizia.

    RispondiElimina
  4. Spero di riuscire a trovare la sentenza... dovrebbe essere molto interessante...

    RispondiElimina
  5. Ecco la sentenza, scusate se non l'ho linkata prima. Ciao

    RispondiElimina

Adoro lo scambio di opinioni e i commenti mi fanno molto piacere ma se stai scrivendo qualcosa che riterrò offensivo o di cattivo gusto allora il commento non avrà risposta e sarà cancellato.
Per evitare spam la moderazione è attiva solo per post di più di 30 giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...