Pagine

lunedì 31 gennaio 2011

Elogio del nostro tempo

Non si può esagerare abbastanza
l'importanza del mondo
(del nostro, intendo)
probabilmente il solo
in cui si possa uccidere
con arte a anche creare
opere d'arte destinate a vivere
lo spazio di un mattino, sia pur fatto
di millenni e anche più. No, non si può
magnificarlo a sufficienza. Solo
ci si deve affrettare perché potrebbe
non essere lontana
l'ora in cui troppo si sarà gonfiata
secondo un noto apologo la rana.

Eugenio Montale. Da Quaderno di quattro anni, 1977.

3 commenti:

  1. Ciao Antonio, non conoscevo questi versi di Montale, che trovo molto interessanti, specie nell'epilogo:

    "ci si deve affrettare perché potrebbe
    non essere lontana
    l'ora in cui troppo si sarà gonfiata
    secondo un noto apologo la rana."

    Troppo si è gonfiata, per esempio, la rana del nostro disgusto per la realtà non-politica italiana.
    Un abbraccio.
    Vincenzo

    RispondiElimina
  2. C'è poco da elogiare. Non è il caso di esagerare l'importanza del mondo. Basterebbe riconoscerla.

    RispondiElimina
  3. @Vincenzo. Fa parte dei componimenti 'leggeri' di Montale, la bellezza dei grandi è che offrono infinite chiavi di lettura ma sono convinto che in questo caso il poeta abbia spinto il suo sguardo ben oltre le miserie del tempo odierno degli italiani! Un abbraccio a te.

    @Marziano. Che ci sia poco da elogiare è quello che emerge dal gioco retorico del componimento, riguardo al riconoscimento dell'importanza del mondo bisogna fare attenzione al mondo che Montale intende, un mondo dove "la bussola va impazzita all'avventura / e il calcolo dei dadi più non torna."

    RispondiElimina

Adoro lo scambio di opinioni e i commenti mi fanno molto piacere ma se stai scrivendo qualcosa che riterrò offensivo o di cattivo gusto allora il commento non avrà risposta e sarà cancellato.
Per evitare spam la moderazione è attiva solo per post di più di 30 giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...