Pagine

lunedì 26 gennaio 2009

Memoria salvifica

Il passato è esigente, il futuro lo è ancora di più. La memoria del dolore è salvifica, ma è ambiguamente salvifica, da un lato ci rende umani, dall'altro ci 'aiuta' ad esserlo meno. Ci aiuta ad esserlo meno quando guardiamo indietro nel tempo ed evitiamo di guardare in faccia il futuro mancato, le esplorazioni dell’essere che le vite interrotte non hanno potuto realizzare e mai più realizzeranno. Il passato possiamo e dobbiamo ricordarlo, è uno e non muterà mai più. Di tutti i futuri possibili non vi sarà mai più traccia e non vi sarà fantasia o immaginazione che basti. Chi non ricorda il passato è condannato a ripeterlo, sosteneva Santayana, ma chi ricorda il passato senza essere trafitto dal futuro assente, dal futuro che non diventerà mai più memoria, chiede dispensa dall'orrore che nuovamente si consumerà sotto il cielo.


La memoria del passato ci salva dallo schiacciamento che subiremmo di fronte ad un solo sguardo al futuro che non ci sarà, ci salva dal vedere che il nostro presente è un futuro mutilato.

Nessun commento:

Posta un commento

Adoro lo scambio di opinioni e i commenti mi fanno molto piacere ma se stai scrivendo qualcosa che riterrò offensivo o di cattivo gusto allora il commento non avrà risposta e sarà cancellato.
Per evitare spam la moderazione è attiva solo per post di più di 30 giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...