Pagine

sabato 10 marzo 2012

Nell'era di velocità impetuose

Nello spot una giovane coppia con un bambino decidono di andare al luna park, una volta arrivati non si fermeranno ma andranno dritti verso il parco e una volta arrivati non si fermeranno ma proseguiranno per il mare. Il bambino vedrà ogni cosa in corsa dall'abitacolo dell'auto. Il bambino decide di farsi portare a casa e il giorno dopo non vorrà più uscire con quei due deficienti. Il bambino è il nipote e gli zii guidano entusiasti una nuova auto, figuriamoci se possono fermarsi al luna park o al parco o al mare per giocare con il nipote!


Probabilmente anche agli autori di questa pubblicità sarà sembrato esagerato dire che quei due cretini alla guida della loro scatoletta di latta potevano essere i genitori del bambino ma niente fa credere che da genitori non si comportino nella stessa maniera, allora mi chiedo se il messaggio occulto di questa pubblicità non sia la castrazione chimica per questa stirpe di idioti. Io me ne farei promotore! (Forse certi drastici provvedimenti potrebbero essere utili anche per alcuni capopopolodellalibertà, non solo per i personaggi più o meno immaginari della pubblicità.)
Per quanto riguarda l'esaltazione delle scatolette di latta di ogni genere e marca evito di esprimere giudizi miei, l'ha fatto in maniera sublime Marina Cvetaeva nel 1928.

***

Ode all'andare a piedi
Marina Cvetaeva
, in Dopo la Russia e altri versi, a cura di Serena Vitale, Mondadori, 1988.

I
Nell'era di velocità impetuose
di corse rovinose - nella precaria età
del ferro - viva chi resta
a piedi - coi piedi - per terra!

Per rocce e dirupi, sempre
diritto, avanti, senza sentieri,
battendo piano alle porte
della natura, che il tempo

calpesta. (Agli storpi
soltanto c'è spazio
nell'era delle turbìne!)
... Che non perdona il marchio

di insegne-réclames
sul seno che nutre.
Conquista coi piedi il lontano,
stirpe di zoppi e sciancati!

Viva le solide suole
pesanti di chiodi: gloria
ai pedoni - dèi senza ali -
con - gli stivali!

E se a questo mondo c'è un'ode
al potente dio delle cime -
è il pedone che ride: un motore
tossisce ingolfato!

Quel ghigno di un metro,
la bocca più larga del volto:
il pneumatico è sgonfio -
il torso che si allargava

in grassi anelli di boria!
Parate di parassiti,
ladri di spazio, vampiri dell'aria,
alcolizzati di verste,

tra polvere e folle plaudenti
vanno a schiantarsi. Un caso?
Un palo: la loro
stordita demenza...

II
Avanza il flagello di some,
la frusta dei sognatori. Si avventa
sulla bellezza, la investe: «A terra!» -
urlo di stupratore.

E lei non risponde - si giace
come una lastra tombale,
ma non ti mostra il viso,
l'anima - non te la vende...

E niente regali - con voi
sarà avara l'estate.
Orbo quattrocchi,
zero laccato,

tra il sud e il nord
corriere di vuoto
trambusto. Le vostre Ford,
gli insulsi primati,

le Rolls e le Royce:
antica lusinga
di serpe! Alle gambe
fu detto di andare.

E stanno - in lussuose scarpine,
tra l'Opera e la Madeleine,
marionette di legno. Meglio
le silenziose pianelle

dei morti - della vernice,
della menzogna in vetrina.
Di marocchino e serpente,
di suole ignare del suolo!

Sia gloria nell'alto dei cieli
al Dio della forza, dei regni,
per il granito onesto,
per lo spato, il quarzo, il pietrisco,

per il resto in moneta sonante:
selce di sotto lo zoccolo...
E perché mi ha creato
prodigio ambulante!

III
Il nipote scroccone
scivola giù dalle ruote.
Reggetevi ai piedi, viandanti,
come gli avi - alle mani!

Dove la gomma si arresta
si apre lo spazio ai pedoni.
Non c'è benzina? Respira
a pieni polmoni: c'è l'aria.

Il torrente ha sete di rapide.
L'entusiasmo - di sprechi.
Ai bambini insegnate soltanto
a muovere i piedi.

Lungo morene e ruscelli.
E oltre - no! A sapere
le Alpi con i ginocchi,
con i talloni i ghiacciai.

Mi farò terra d'ossa, amici:
fondamenta di quelle scuole!
Perché dal suo primo all'ultimo
passo vada da solo

mio figlio. Mio sangue! Muscolo
che ha svergognato l'Ade!
Nel regno di spugne e molluschi
stai sulle tue - sulle due - gambe!

4 commenti:

  1. Sottoscrivo in toto. Cretinaggine compresa.

    RispondiElimina
  2. Ho ascoltato Angelino, poco jolie, Alfano...confesso che ho retto solo una manciata di secondi...

    RispondiElimina
  3. i poeti riescono a scrivere i nostri migliori pensieri... grazie

    RispondiElimina

Adoro lo scambio di opinioni e i commenti mi fanno molto piacere ma se stai scrivendo qualcosa che riterrò offensivo o di cattivo gusto allora il commento non avrà risposta e sarà cancellato.
Per evitare spam la moderazione è attiva solo per post di più di 30 giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...