Pagine

martedì 8 ottobre 2013

Profezia

Profezia, (1964) di Pier Paolo Pasolini
Da Alì dagli occhi azzurri, Garzanti, Milano 1996.

                                                                           A Jean-Paul Sartre, che mi ha raccontato
                                                                           la storia di Alì dagli Occhi Azzurri


                            Era nel mondo un figlio
                            e un giorno andò in Calabria:
                            era estate, ed erano
                            vuote le casupole,
                            nuove, a pandizucchero,
                            da fiabe di fate color
                            della fame. Vuote.
Come porcili senza porci, nel centro di orti senza insalata, di campi
senza terra, di greti senza acqua. Coltivate dalla luna, le campagne.
Le spighe cresciute per bocche di scheletri. Il vento dallo Jonio
                            scuoteva paglia nera
                            come nei sogni profetici:
                            e la luna color della fame
                            coltivava terreni
                            che mai l’estate amò.
                            Ed era nei tempi del figlio
                            che questo amore poteva
                            cominciare, e non cominciò.
                            Il figlio aveva degli occhi
                            di paglia bruciata, occhi
                            senza paura, e vide tutto
                            ciò che era male: nulla
                            sapeva dell’agricoltura,
                            delle riforme, della lotta
                            sindacale, degli Enti Benefattori,
                            lui - ma aveva quegli occhi.

                            Ogni oscuro contadino
                            aveva abbandonato
                            quelle sue casupole nuove
                            come porcili senza porci,
                            su radure color della fame,
                            sotto montagnole rotonde
                            in vista dello Jonio profetico.
                            Tre millenni passarono
non tre secoli, non tre anni, e si sentiva di nuovo nell’aria malarica
l’attesa dei coloni greci. Ah, per quanto ancora, operaio di Milano,
lotterai solo per il salario? Non lo vedi come questi qui ti venerano?
                            Quasi come un padrone.
                            Ti porterebbero su
                            dalla loro antica regione,
                            frutti e animali, i loro
                            feticci oscuri, a deporli
                            con l’orgoglio del rito
                            nelle tue stanzette novecento,
                            tra frigorifero e televisione,
                            attratti dalla tua divinità,
                            Tu, delle Commissioni Interne,
                            tu della CGIL, Divinità alleata,
                            nel sicuro sole del Nord.

                            Nella loro Terra di razze
                            diverse, la luna coltiva
                            una campagna che tu
                            gli hai procurata inutilmente.
                            Nella loro Terra di Bestie
                            Famigliari, la luna
                            è maestra d’anime che tu
hai modernizzato inutilmente. Ah, ma il figlio sa: la grazia del sapere
è un vento che cambia corso, nel cielo. Soffia ora forse dall’Africa
e tu ascolta ciò che per grazia il figlio sa. Se egli poi non sorride
                            è perchè la speranza per lui
                            non fu luce ma razionalità.
                            E la luce del sentimento
                            dell’Africa, che d’improvviso
                            spazza le Calabrie, sia un segno
                            senza significato, valevole
                            per i tempi futuri! Ecco:
                            tu smetterai di lottare
                            per il salario e armerai
                            la mano dei Calabresi.

                            Alì dagli Occhi Azzurri
                            uno dei tanti figli di figli,
                            scenderà da Algeri, su navi
                            a vela e a remi. Saranno
                            con lui migliaia di uomini
                            coi corpicini e gli occhi
                            di poveri cani dei padri
sulle barche varate nei Regni della Fame. Porteranno con sè i bambini,
e il pane e il formaggio, nelle carte gialle del Lunedì di Pasqua.
Porteranno le nonne e gli asini, sulle triremi rubate ai porti coloniali.
                            Sbarcheranno a Crotone o a Palmi,
                            a milioni, vestiti di stracci
                            asiatici, e di camicie americane.
                            Subito i Calabresi diranno,
                            come da malandrini a malandrini:
                            «Ecco i vecchi fratelli,
                            coi figli e il pane e formaggio!»
                            Da Crotone o Palmi saliranno
                            a Napoli, e da lì a Barcellona,
                            a Salonicco e a Marsiglia,
                            nelle Città della Malavita.
                            Anime e angeli, topi e pidocchi,
                            col germe della Storia Antica
                            voleranno davanti alle willaye.

                            Essi sempre umili
                            Essi sempre deboli
                            essi sempre timidi
                            essi sempre infimi
                            essi sempre colpevoli
                            essi sempre sudditi
                            essi sempre piccoli,
essi che non vollero mai sapere, essi che ebbero occhi solo per implorare,
essi che vissero come assassini sotto terra, essi che vissero come banditi
in fondo al mare, essi che vissero come pazzi in mezzo al cielo,
                            essi che si costruirono
                            leggi fuori dalla legge,
                            essi che si adattarono
                            a un mondo sotto il mondo
                            essi che credettero
                            in un Dio servo di Dio,
                            essi che cantavano
                            ai massacri dei re,
                            essi che ballavano
                            alle guerre borghesi,
                            essi che pregavano
                            alle lotte operaie...

                            … deponendo l’onestà
                            delle religioni contadine,
                            dimenticando l’onore
                            della malavita,
                            tradendo il candore
                            dei popoli barbari,
                            dietro ai loro Alì
dagli Occhi Azzurri - usciranno da sotto la terra per uccidere –
usciranno dal fondo del mare per aggredire - scenderanno
dall’alto del cielo per derubare - e prima di giungere a Parigi
                            per insegnare la gioia di vivere,
                            prima di giungere a Londra
                            per insegnare a essere liberi,
                            prima di giungere a New York,
                            per insegnare come si è fratelli
                            - distruggeranno Roma
                            e sulle sue rovine
                            deporranno il germe
                            della Storia Antica.
                            Poi col Papa e ogni sacramento
                            andranno su come zingari
                            verso nord-ovest
                            con le bandiere rosse
                            di Trotzky al vento...


10 commenti:

  1. Non è più di questi tempi ascoltare i profeti, il massimo che ci è concesso sono le previsioni meteo, che il brutto tempo potrebbe rovinare la gita nei fine settimana.

    RispondiElimina
  2. Il tempo messianico soppiantato da quello meteorologico.

    RispondiElimina
  3. Né profeti né poeti. La poesia è stata buttata ai margini.

    RispondiElimina
  4. Già, così ci siamo (o ci hanno?) ridotti.

    RispondiElimina
  5. Un giorno del 1969 un Belga a Bruxelles mi disse: "lo sai vero che voi (italiani) avete Pasolini?" Lo sapevo, ma solo oggi lo so veramente.
    Grazie Antonio per averlo ricordato con questi versi profetici. Lo avevamo e ce l'hanno ucciso, i maledetti!

    RispondiElimina
  6. Io con Pasolini ci ho litigato spesso, più da morto che da vivo, perché quando era in vita io ero troppo giovane per leggerlo e per conoscerlo; ci ho litigato perché non lo capivo, perché non condividevo le sue analisi taglienti ... eppure ho tutti i suoi film, ho parecchi dei suoi libri e sono fra i più sottolineati e fra i più "appuntati" ... eppure è l'unico poeta, scrittore, regista, critico dei nostri tempi che sono andato a trovare nel cimitero dov'è sepolto, a Casarsa della Delizia e ho messo una rosa rossa sulla sua lapide. La stessa cosa l'ho fatta solo per Dante a Ravenna e per Tasso a Ferrara e a Sant'Onofrio al Gianicolo a Roma. E' strano come dei perfetti sconosciuti giacessero in dei mausolei enormi e il sepolcro di Pier Paolo fosse contraddistinto solo da venti centimetri quadrati di mattonella come lapide.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. Con Pasolini ci hanno litigato in tanti e ancora ci litigano, troppo cattolico per i laici, troppo laico per i cattolici, indicibilmente complesso per i borghesi, poco rivoluzionario per i marxisti, troppo marxista per i conservatori. Scandaloso, omosessuale, sprezzante con il potere, popolare, perturbante per le coscienze quiete, eccessivamente dilaniato per quelle autoproclamatesi liberate. La nuova preistoria che stiamo vivendo lui la vide con largo anticipo. Nulla di tutto questo poteva essergli perdonato. Eppure ancora si aggira tra noi "più moderno d'ogni moderno" e ancora non abbiamo fatto i conti con quelle sei croci che piantò con la sua profezia.

    RispondiElimina
  8. Profeta e poeta insieme, un vero scandalo.

    RispondiElimina
  9. Ciao Antonio,
    il finale mi spianta. Non a caso Pasolini sceglie Trotzky, lo sconfitto, il picconato, e lo associa una possibile chiesa che ritrova colui che fu messo in croce. Il finale non so se oggi possiamo chiamarlo profezia, ha il sapore di una speranza.

    RispondiElimina

Adoro lo scambio di opinioni e i commenti mi fanno molto piacere ma se stai scrivendo qualcosa che riterrò offensivo o di cattivo gusto allora il commento non avrà risposta e sarà cancellato.
Per evitare spam la moderazione è attiva solo per post di più di 30 giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...