Pagine

giovedì 18 febbraio 2016

Chi vince e chi perde

Sulla vicenda delle unioni civili ho assistito al peggio della provincialità e della volgarità della mezza borghesia da salotto che ha colonizzato quella specie di discarica per falliti che è la politichetta itagliana. Gentaglia impresentabile, argomenti scomposti, discorsi sguaiati che al confronto una parata del gay pride è una passerella di intellettuali organici del PCI di Togliatti cui lo stesso Togliatti avrebbe detto di sciogliersi un po'. I partiticchi hanno brillato per mediocrità e miopia.

Il PD è decisamente un partito bipolare ma non in senso politico. E' morta la dialettica? No, non è morta la dialettica, è morta la sintesi. Tesi e antitesi le hanno portate nel pd, solo che non si parlano e non arrivano a sintesi. Al bambolotto fiorentino non è mai interessato un fico secco dei diritti civili, vedasi il suo indefesso impegno per il rispetto della 194, per la fecondazione assistita, per il testamento di fine vita. E' chiaro che il tema delle unioni civili, nonostante il sincero impegno della signora Cirinnà, sia stato utilizzato dallo scout fiorentino come elemento di distrazione da altri temi sociali, tipo lo smantellamento dello stato sociale e dei diritti del lavoro tanto perseguito dal rottame di Arcore e realizzato dalla giovane marmotta di Firenze. Il PD...con il suo carico di cattodem, relitti di destra in cerca d'autore, esuli questuanti future candidature... cosa cazzo potrà mai concludere un partito simile? I cattodem... già avevo perplessità da vendere sui cattocomunisti ma i cattodem sono proprio un ossimoro. Che cazzo significa che sei democratico, ergo riconosci che il potere si autoriconosce dal basso, e cattolico, ergo riconosci una autorità trascendente? Cosa c'hai nel cervello? I corpi cavernosi?
Al grillo non piace il canguro... Adesso se ne parla come se fosse una pratica sodomitica da boudoir ma sto "canguro" tanto disprezzato dai puristi delle regole a cinque punte è una prassi parlamentare anti-ostruzionismo che consente di votare gli emendamenti accorpando quelli in tutto simili e quelli di contenuto analogo. Una volta approvato o bocciato il primo emendamento decadono tutti gli altri. Una pratica che eviterebbe di proporre emendamenti a cazzo di cane, passatemi il tecnicismo, per paralizzare l'attività legislativa. Emendamenti che, letti in chiave psichiatrica, sono evidentemente frutto di menti disturbate. Altro che bipolarismo, qui siamo al polipolarismo. Ecco il capolavoro che avrebbe evitato il canguro, divertitevi a leggerli nel sito del Senato se avete stomaco o una libido masochista, io vi propongo alcuni emendamenti all'articolo 1 a firma di un quintetto di geni.

1.13
GIOVANARDI, Mario MAURO, QUAGLIARIELLO, AUGELLO, COMPAGNA
Al comma 1, aggiungere, in fine, il seguente periodo:
«L'unione civile fra persone dello stesso, di cui al presente Capo è regolamentata
nel rispetto dei diritti inviolabili dell'uomo negli aggregati sociali espressioni
della sua personalità; ad essa non si applicano le norme dell'ordinamento giuridico
sulla famiglia, intesa quale società naturale fondata sul matrimonio fra un uomo e una donna».

1.14
GIOVANARDI, Mario MAURO, QUAGLIARIELLO, AUGELLO, COMPAGNA
Al comma 1, aggiungere, in fine, il seguente periodo:
«L'unione civile fra persone dello stesso, di cui al presente Capo è regolamentata
nel rispetto dei diritti inviolabili dell'uomo gli aggregati sociali
ove lo stesso trascorre la propria esistenza;
ad essa non si applicano le norme dell'ordinamento giuridico sulla famiglia,
intesa quale società naturale fondata sul matrimonio».

1.15
GIOVANARDI, Mario MAURO, QUAGLIARIELLO, AUGELLO, COMPAGNA
Al comma 1, aggiungere, in fine, il seguente periodo:
« L'unione civile fra persone dello stesso, di cui al presente Capo è regolamentata
nel rispetto dei diritti inviolabili dell'uomo nelle formazioni sociali
ove si svolge la sua personalità; ad essa non si applicano le norme dell'ordinamento
giuridico sulla famiglia, intesa quale società naturale fondata sul matrimonio fra un uomo e una donna».

1.16
GIOVANARDI, Mario MAURO, QUAGLIARIELLO, AUGELLO, COMPAGNA
Al comma 1, aggiungere, in fine, il seguente periodo:
«L'unione civile fra persone dello stesso, di cui al presente Capo è regolamentata
nel rispetto dei diritti inviolabili dell'uomo nelle formazioni sociali ove si svolge
la sua personalità; ad essa non si applicano le norme dell'ordinamento
giuridico sulla famiglia, intesa quale società naturale fondata sul matrimonio».

Capito? In cinque ci si sono messi per "formulare" questi emendamenti. "L'unione civile fra persone dello stesso" cosa? Sesso, pensiero politico, sistema solare, condominio, appartamento? Non è mica un mio refuso, eh! E i puristi delle regole a 5 stelle non sopportano che non siano votate una per una queste idiozie dopo opportuna discussione. Nel frattempo assisteremo all'evoluzione dei rettili e al loro ritorno a dominare il pianeta! Queste sono le regole che intendono onorare gli intransigenti albergatori di lusso, addirittura a 5 stelle, i chimerici cattodem e quegli organismi strani che vanno sotto il nome di alfaniani e altri cimeli del destrume parlamentare. Ora, ditemi quale altro mestiere ammetterebbe tra le proprie regole di fare una cosa simile? Ditemi, quale mestiere, arte, professione?  Barista, ingegnere, elettricista, barbiere, badante, neurochirurgo, insegnante, qualunque soggetto che innalzasse a regola la possibilità di perdere tempo, di ingannare, di truccare sarebbe considerato un mentecatto, uno psicolabile e verrebbe messo in condizioni di non nuocere, sarebbe internato e curato. Invece in Parlamento, dove si decide del destino di milioni di persone, questo tipo di pratica sarebbe addirittura garantita anche per una legge ordinaria! A raccontarlo in giro riderebbero pure i canguri. E meno male che i 5 stelle dovevano essere la novità. Non che ci abbia mai creduto, questi pupazzetti telecomandati ogni volta che s'avvicinano a una qualche meta si fanno la pupù addosso. Il comando bicefalo interviene ad hoc e il rischio di fare sul serio è scongiurato, altrimenti si vedrebbe da lontano di che pasta sono fatti. Di scie kimike, chip sottopelle e comblotti per farli vincere a Roma! A proposito, come va la televendita per la poltrona di sindaco per Roma? Con le prime 100 telefonate oltre alla candidatura è assicurato in omaggio anche un frullatore e una comoda poltrona Ikea, affrettatevi a presentare le vostre candidature.

L'affossatura del ddl Cirrinnà è assicurata. Per gli albergatori di lusso la colpa è della schizofrenia piddina, per il partito bipolare la colpa è dei pupazzetti telecomandati. Per entrambi diventa evidente che l'obiettivo della discussione fosse proprio questo, screditarsi a vicenda mentre a innalzare il vessillo della vittoria sono i diversamente civili della destra cui per lo meno va riconosciuta una perversa coerenza sui diritti civili: li ignorano, li hanno sempre ignorati. A perdere è la civiltà, l'inclusione, il riconoscimento di piena cittadinanza per i cittadini di questo paese.

6 commenti:

  1. Anch'io, come te, sono molto arrabbiata.
    Io, non ho parole. Davvero.
    Essere nelle mani di questi mi sconvolge, provo le peggiori sensazioni.
    La Nazione è ferma da anni. Le altre Nazioni mettono in moto le Menti, avanzano, si rinnovano, si migliorano, progrediscono, noi invece siamo fermi da anni e anni, immobili, con le nostre menti vecchie, senza sogni, senza futuro. Dovremmo vergognarci di continuare a dare affidabilità a questa ciurmaglia di spocchiosi e incapaci.

    RispondiElimina
  2. Più che arrabiato sono disgustato dagli sciacalli che pasteggiano su questi argomenti facendo sfoggio di ignoranza e ferocia in pari misura, vedi argomenti strumentali sulla maternità surrogata e proposte di togliere i figli nati da maternità surrogata. E sono disgustato anche dai cosiddetti alfieri della novità a cinque punte che si dimostrano per quello che ho sempre pensato fossero, aria fritta. Difesi dal Travaglio appassionato vogliono nascondersi dietro un dito dicendo che la spaccatura è nel pd, e sai che novità! Che la giovane marmotta fiorentina e il suo entourage non gliene freghi niente dei diritti civili è evidente anche ai sassi, quello che non è evidente a Travaglio, perché quando ci si innamora si perde obiettività, è che il cd canguro ha valenza diversa per leggi costituzionali, elettorali e ordinarie e soprattutto quando l'ostruzionismo è fatto con emendamenti...bizzarri, diciamo così, utilizzando algoritmi idioti o l'impegno di giovanardi e quagliariello, ottenendo lo stesso risultato. Discussione di una settimana un cazzo, solo per passarli in rassegna non bastano tre mesi! La verità è che il pd vuole far cadere la colpa su 5s, e qui ha ragione Travaglio, ma è anche vero che 5s vuole che il pd si dimostri inadempiente per l'approvazione del ddl. Bel risultato. Prova a immaginare che il pd viene costretto a votare per davvero il ddl, senza il ricorso a emendamenti assurdi, allora veramente e finalmente si spaccherebbe. In realtà così quei coglioni dei 5s lo hanno salvato sto cazzo di pd.

    RispondiElimina
  3. hai scritto italiana con la g!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti sfugge nulla eh. Ho scritto anche complotto con la b e scie chimiche con le k.

      Elimina
  4. il canguro è anticostituzionale

    RispondiElimina
  5. Il canguro è prassi parlamentare per evitare emendamenti random, una cosa è usarlo per fare una riforma costituzionale (e già la riforma è incostituzionale perché non rispetta l'art. 138), altro per una legge ordinaria. Se la presunta incostituzionalità del canguro non fa i conti con l'accertata incostituzionalità del vincolo di mandato si tratta di rigore per le regole a fasi alterne, buono per burattini telecomandati da un click da genova.

    RispondiElimina

Adoro lo scambio di opinioni e i commenti mi fanno molto piacere ma se stai scrivendo qualcosa che riterrò offensivo o di cattivo gusto allora il commento non avrà risposta e sarà cancellato.
Per evitare spam la moderazione è attiva solo per post di più di 30 giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...