Pagine

sabato 25 maggio 2013

Ciao don Gallo

Un prete partigiano che ha speso tutta la vita per dire che il sacro che altri vedevano in cielo era qui, sulla terra. Quel sacro del cielo era qui, insieme a quello di una terra desolata.



Don Gallo, nessuno ti farà santo ma in qualche angolo nascosto della tua Genova, bella e terribile, riderai di questo come l'ultima delle tue preoccupazioni.

***

SE IL TUO DIO
Se il tuo Dio è bambino di strada
umiliato, maltrattato, assassinato,
bambina, ragazza, donna violentata, venduta, usata,
omosessuale che si dà fuoco senza diritto di esistere,
handicappato fisico, mentale, compatito,
prostituta dell’Africa, dei Paesi dell’est,
che tenta di sfuggire la fame e la miseria creata dai nostri stessi Paesi,
transessuale deriso e perseguitato,
emigrato sfruttato e senza diritti,
barbone senza casa né considerazione,
popolo del Terzo mondo al di sotto della soglia di povertà,
ragazza mai baciata, giovane senza amore,
donna e uomo cancellati in carcere,
prigioniero politico che non svende i suoi ideali,
ammalato di Aids accantonato,
vittima di sacre inquisizioni,
roghi, guerre, intolleranze religiose,
indigeno sterminato dall’invasione cattolica dell’America,
africano venduto come schiavo a padroni cristiani,
ebreo, rom, omosessuale o altro dissidente
sterminato ad Auschwitz e negli altri lager nazisti
o nei gulag sovietici,
morto sul lavoro sacrificato alla produzione,
palestinese, maya o indigeno derubato della sua terra,
vittima della globalizzazione;

se il tuo Dio ti spinge a condividere con loro
ciò che hai e ciò che sei,
a difendere i diritti degli omosessuali e degli handicappati,
a rispettare quelli che hanno altre religioni e opinioni,
a stare dalla parte degli ultimi
a preferire loro all’oppressore
che vive nei fasti di palazzi profani o sacri,
viaggia con aerei privati,
viene ricevuto con gli onori militari
e osannato dalle folle;

se egli considera la terra e i beni
non come privilegio di alcuni, ma come proprietà di tutti,
se ama ricchi e oppressori
strappando loro le ingiustizie che li divorano come cancro
togliendo il superfluo rubato
e rovesciando i potenti dai loro troni sacri o profani,
se non gli piacciono le armi, le guerre e le gerarchie,
se non fa gravare, come i farisei,
pesi sugli altri che lui stesso non può portare,
se non proibisce il preservativo che ostacola la diffusione dell’Aids,
se ha rispetto per chi vive delle gravidanze non desiderate,
se non impone alle donne le sue convinzioni sull’aborto
ma sta loro vicino con amore e solidarietà,
se non è maschilista e non discrimina le donne,
se non toglie alle persone non sposate il diritto di amare,
se non consacra la loro subordinazione,
se non impone nulla, ma favorisce la libertà di coscienza,
se rispetta gli altri dei e le altre dee,
se non pensa di essere il solo vero Dio,
se non è convinto di avere la verità in tasca e cerca con gli altri;
se è umile, tenero, dolce, a volte smarrito e incerto,
se si arrabbia quando è necessario
e butta fuori dal tempio commercianti e sacri banchieri,
se ama madre terra, piante, animali, fiori e stelle;

se è povero tra i poveri,
se annuncia a tutti il vangelo di liberazione degli oppressi
e ci libera da tutte le religioni degli oppressori;

allora qualunque sia il suo nome, il suo sesso, la sua etnia
il colore della pelle, nera, gialla, rossa o pallida,
qualunque sia la sua religione, animista, cattolica, protestante,
induista, musulmana, maya, valdese, shintoista,
ebrea, buddista, dei testimoni di Geova,
Chiesa dei santi degli ultimi giorni,
di qualsiasi Chiesa o setta
non m’importa
egli sarà anche il mio Dio
perché manifestandosi negli ultimi
è Amore con l’universo delle donne e degli uomini,
nello spazio e nel tempo
e con la totalità dell’essere,
amore cosmico
che era, sta e viene
nell’amore di tutte le donne e di tutti gli uomini,
nei loro sforzi per la giustizia, la libertà, la felicità e la pace.

Don Andrea Gallo
(Da “Il vangelo di un utopista”)

5 commenti:

  1. Un grande uomo se n'è andato e ci lascia senza il suo riferimento personale, ma ci ha lasciato queste grandi parole e il suo esempio di vita veramente umana e evangelica.

    RispondiElimina
  2. Secondo me non era un prete, uno di quelli tradizionali, ma era uno che viveva in terra e sapeva e vedeva com'era realmente l'umanità.

    RispondiElimina
  3. Antonio caro , frase fatta ma calza a pennello ..come sempre e sembra strano i migliori ci lasciano.
    Quelli dai quali possiamo solo che imparare , seguirli senza tediose disquisizioni, facendoci capire che la cosa migliore che almeno all'inizio possiamo fare è la partecipazione con tutti e per tutti.
    Bel blog , mi iscrivo e sarei felice tu volessi ricambiare!http://rockmusicspace.blogspot.it/
    Buona domencia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondo solo per darti il benvenuto Nella. Riguardo alla frase fatta, beh ne dico una io. Presto o tardi ce ne andiamo tutti, non c'è niente di più democratico della morte, ma ci sono vite, cavolo, ci sono vite che la mettono a dura prova. La mettono davvero a dura prova. Quella di don Gallo è una di quelle vite.
      Buona domenica a te, a Nou e ad Aldo.

      Elimina
  4. c'è tutto il respiro dell'universo in quelle parole di Don Gallo

    RispondiElimina

Adoro lo scambio di opinioni e i commenti mi fanno molto piacere ma se stai scrivendo qualcosa che riterrò offensivo o di cattivo gusto allora il commento non avrà risposta e sarà cancellato.
Per evitare spam la moderazione è attiva solo per post di più di 30 giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...