Pagine

domenica 7 agosto 2011

Cari fratelli dall'Africa

Cari fratelli dall'Africa,
ho seguito con molta attenzione le vicende occorse il primo agosto a Bari, con gli scontri tra voi e le forze dell'ordine.
Lamentate tempi lunghi per il riconoscimento dello status di rifugiati, per il rilascio dei permessi di soggiorno e interminabili soste forzate nei centri di permanenza temporanea.
Se avete lasciato il vostro paese per rischiare la vita nella traversata del Mediterraneo ci sarà sicuramente un valido motivo e magari non avreste mai pensato che se il mare avesse risparmiato la vostra vita, l'ostacolo al vostro sogno sarebbe stato un timbro su un foglio di carta, ma queste cose capitano in un paese con un sistema statistico efficiente che deve verificare con zelo la provenienza e la destinazione di chi sbarca sulle nostre coste. Qualcosa sfuggirà a quel sistema statistico ma questo non è previsto dal sistema, piuttosto rappresenta un disguido, un equivoco, roba di poco conto. Sfuggiranno per esempio quanti tra voi vivranno condizioni di lavoro prossime alla schiavitù, sfuggiranno tutti quelli pagati pochi soldi e in nero per fare lavori che spaccano la schiena e che i miei compatrioti ritengono vili. Sfuggiranno anche quelli che dormiranno ammassati in un capannone di campagna senza alcun servizio igienico per raccogliere i pomodori con cui prepariamo il sugo che ci rende famosi in tutto il mondo e sfuggiranno tutti quelli che subiranno l'umiliazione di non avere alcuna garanzia per la propria sicurezza sul lavoro, per la propria salute, per la propria famiglia. Sfuggiranno a quel rigoroso sistema statistico quanti tra voi vivranno il proprio malessere nell'indifferenza delle istituzioni e penseranno di essere in una situazione disperata e senza via d'uscita ma forse sono proprio queste sviste del sistema statistico ed istituzionale del nostro paese che hanno fatto scoppiare la vostra rabbia latente che è sfociata nei disordini di una settimana fa.
Avete bloccato la ferrovia e la tangenziale di Bari impedendo per molte ore la libera circolazione delle persone e delle merci. In questa situazione poliziotti e carabinieri, chiamati ad intervenire, non potevano fare altro che indossare le loro divise anti sommossa e ripristinare in ogni modo la circolazione dei mezzi. Voi invece di obbedire agli avvertimenti delle forze dell'ordine avete lanciato pietre e la giornata si è conclusa con numerosi feriti. La giustizia italiana non ha tardato a fare il suo corso e inevitabilmente molti di voi sono stati riconosciuti colpevoli di reati gravissimi: resistenza a pubblico ufficiale, blocco di pubblico servizio, lesioni aggravate di agenti di polizia e di carabinieri, tutti reati che non possono essere tollerati in un paese civile come il nostro.
Se umanamente si può comprendere la rabbia pure si ha il dovere di considerare la faccenda in termini giuridici e di prerogative riconosciute a chiunque in un paese civile e democratico come l'Italia, prerogative che consentono a chiunque di manifestare pacificamente uno stato di disagio e di intervenire per risolverlo. Del resto uno stato è civile non quando elimina la violenza dal proprio territorio, obiettivo peraltro utopico, bensì quando crea le condizioni per renderne inutile il ricorso. O no? 
In un paese civile sono attivate tutte le necessarie procedure affinché una persona di qualunque condizione civile e sociale faccia conoscere alle autorità competenti una patente ingiustizia e le autorità hanno il dovere di intervenire tempestivamente per rimuovere gli ostacoli al benessere. Allora voi potevate parlare dei vostri problemi con un poliziotto o un carabiniere qualsiasi che si sarebbe incaricato di inoltrare la vostra denuncia al questore o alla stazione di comando, da qui il vostro reclamo sarebbe arrivato al prefetto che non avrebbe esitato a comunicare la faccenda a chi di dovere per risolvere il disagio e punire i responsabili a tutti i livelli di tale situazione. Anziché attivare questa virtuosa catena di interventi pacifici che contraddistingue un paese civile avete pensato di intraprendere azioni violente che non trovano alcuna giustificazione in un paese dotato di tutte le necessarie misure di garanzia e di rispetto della dignità delle persone.
Nel caso in Italia mancassero tali misure o non fossero attivate in maniera rapida ed efficace o la catena si interrompesse nell'indifferenza di qualche anello, allora io solidarizzerei totalmente e incondizionatamente con la vostra protesta, in caso contrario è evidente ad ogni persona di buon senso (e di buon gusto) che occorre esprimere una ferma e vibrante condanna per l'inconcepibile, nonché ingiustificato, ricorso alla violenza!
Con affetto e fiducia.

9 commenti:

  1. Già, sono narcisisticamente violenti e indegni di calpestare cotanta storia italica. Secondo me devono lasciarsi andare...

    RispondiElimina
  2. Mi sa che sono le nostre forze dell'ordine che, ad usare un eufemismo, non hanno sviluppato il senso dell'umorismo!

    RispondiElimina
  3. Per avere dignità qualsiasi mezzo è lecito!!!..... e gli africani in terra di Bari erano davvero 'indignados'!!!

    RispondiElimina
  4. è una bella pagina quella che hai scritto, quasi utopica, ma fortemente pregna di un bisogno di giustizia sociale che purtroppo, quando per un motivo e quando per un altro viene a mancare...

    RispondiElimina
  5. Le banalissime dichiarazioni di condanna degli atti violenti, quando non considerano le dinamiche sociali e il malessere che genera quelle esplosioni, mi rivelano soltanto la miseria degli strumenti di analisi di quanti hanno la pancia piena tutto l'anno e il culo al caldo d'inverno e al fresco d'estate, piccoli parassiti che vivono sul corpo dei miserabili che non hanno voce. Quanti saprebbero dell'esistenza del Cara senza quelle rivolte? Questa domanda solleva il ruolo e la responsabilità dei media in questo "paese civile". La gente alza la voce quando non ha voce! Non tutti sono Gandhi e Martin Luther King, non tutti possono esserlo.
    Intherainbow sono daccordo con te "totalmente e incondizionatamente".

    RispondiElimina
  6. Solidarietà "vera" a tutti quelli schiacciati dal manganello del potere!!!

    RispondiElimina
  7. Bel post, sia nel tono sia nei contenuti. Di mio aggiungo che il "reato" di clandestinità porta con se a cascata una miriade di altri reati, perché non è detto che ci si possa rivolgere alle forze dell'ordine con tanta fiducia se già solo per il fatto di essere qui sei un reo che deve dimostrare la sua innocenza. Se sopravvivi al deserto, se sopravvivi al mare, non sopravvivrai a Maroni e alla burocrazia italiana, non puoi essere così fortunato ... e se anche lo fossi, allora compra un biglietto della lotteria, un gratta e vinci, un ... mi sfugge il nome ... vacanziere per sempre ... o qualcosa del genere. Per questi poveracci vacanziere per sempre significa essere riportati sulle coste africane per poi riprovare a tornare da queste parti ... e la crisi mondiale non aiuta né loro (che sono i primi a pagarne le conseguenze) nè noi che restringiamo il nostro animo (già particolarmente ristretto) e il nostro senso di solidariewtà.
    Ciao

    RispondiElimina
  8. il nostr "sistema statistico" serve proprio ad evitare condizioni di lavoro prossime alla schiavitù, quelli pagati pochi soldi e in nero per fare lavori che spaccano la schiena, quelli che dormiranno ammassati in un capannone di campagna senza alcun servizio igienico per raccogliere i pomodori, tutti quelli che subiranno l'umiliazione di non avere alcuna garanzia per la propria sicurezza sul lavoro, per la propria salute, per la propria famiglia. fare entrare indiscriminatamente oltre a tutto questo porta anche alla delinquenza.
    mauroD

    RispondiElimina
  9. MauroD, ti avverto, se lasci un altro commento del tono di quello che ho cancellato, tutti i tuoi commenti saranno eliminati, di qualunque tono essi siano. Rispetto al tuo commento che ho lasciato ti dico che il funzionamento delle politiche dell'immigrazione io sono solito valutarle sulla base del rispetto della dignità e delle aspirazioni dei destinatari di quelle politiche, evidentemente le nostre diverse sensibilità ci fanno avere differenti giudizi al riguardo.

    RispondiElimina

Adoro lo scambio di opinioni e i commenti mi fanno molto piacere ma se stai scrivendo qualcosa che riterrò offensivo o di cattivo gusto allora il commento non avrà risposta e sarà cancellato.
Per evitare spam la moderazione è attiva solo per post di più di 30 giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...