Pagine

venerdì 16 aprile 2021

Il pane del mio paese

Nei piccoli paesi la vita si spartisce come si spezza il pane a tavola. Nessuno ne mangia da solo, a tutti tocca un pezzo e a volte capita che a uno tocchi il pezzo di un altro. È questo l'inferno e il paradiso della provincia e se non lo attraversi nei gironi dell'umana commedia che dalla nascita conduce alla morte non ci sono stelle che il firmamento possa mostrarti.
 

5 commenti:

  1. Mi fai venire in mente alcuni ricordi di un po' di anni fa quando in estate andavo in un paesino nell'entroterra del levante ligure dove in piazza c'era il forno comune dove tutti potevano cuocere il pane o la focaccia. Era un gran bel momento di condivisione e, per quanto ne so, lo è ancora oggi in quel paesino.
    Un salutone

    RispondiElimina
  2. direi un’immagine perfetta

    RispondiElimina
  3. Ho vissuto, per questioni di età e credo di latitudine natale, la condivisione del pane, dall’impasto collettivo in cui tutte le donne si alternavano, fino alla cottura, anch’essa collettiva, perché non tutti potevano permettersi un forno a legna privato.
    Poi c’era il momento della condivisione a tavola, il pane che scrocchiava sotto la pressione delle nocche, quand’era fresco, e che veniva tagliato a fette tutte uguali col coltello grande. Mi riesce difficile immaginare un momento in cui il pane di qualcuno toccasse a qualcun altro, se non con la morte di qualcuno, perché anche chi non era seduto a tavola a mangiare, aveva con sé il suo pezzo di pane e il companatico.
    Oggi il pane non è più simbolo di alcuna condivisione o di appartenenza, capita anche spesso che non ci sia proprio in tavola, per diversi motivi, e anche quando c’è è un prodotto pre-lievitato, precotto e surgelato, che il giorno dopo è gomma e il terzo giorno è più duro dei sassi.
    Ciao

    RispondiElimina
  4. e la vecchia parola, che oggi sembra desueta "compagno" - pare deriva da cum «insieme con» e panis «pane», propriamente «colui che mangia il pane con un altro»

    RispondiElimina
  5. Il pane che si divide è proprio la vita. Se volete è una sublimazione delle relazioni sociali delle piccole comunità, con tutti i loro pregi e le mostruose degenerazioni che arrivano a vivere la vita altrui invece della propria. Un abbraccio a tutti.

    RispondiElimina

Adoro lo scambio di opinioni e i commenti mi fanno molto piacere ma se stai scrivendo qualcosa che riterrò offensivo o di cattivo gusto allora il commento non avrà risposta e sarà cancellato.
Per evitare spam la moderazione è attiva solo per post pubblicati da più di 30 giorni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...